La Ricerca Della Felicità


Per il suo sbarco in America Muccino ha scelto una storia vera..Ambientata negli anni'80...la storia di un padre, Chris Gardner,abbandonato dall' "ingrata" moglie e senza un lavoro sicuro,si ritrova a dover affrontare ogni giorno prove durissime, che riuscirà a superare grazie all'amore del figlio Christopher,che lo seguirà nel suo viaggio verso la felicità:un sogno che deve essere protetto sopra ogni costo...

- Cosa mi è piaciuto:
Innanzi tutto WILL SMITH,m'inchino alla sua straordinaria bravura,del tutto degno dell'oscar e di qualsiasi altro premio possa esistere,in questo caso è stato "da brividi";il piccolo JADEN (figlio reale di Smith),dolce e tenero all'inverosimile,il figlio che tutti vorrebbero!E infine la STORIA,che giudicherei riflessiva per la sua capacità di farci ragionare sul valore della vita e dei soldi,e che a volte anche quando tutto sembra andare storto c'è sempre qualcosa che ci da modo di andare avanti...un'obiettivo da raggiungere senza farsi abbattere dai giudizi altrui..E se ciò che cerchiamo è la felicità allora vale la pena di lottare..anche se essa dovesse durare pochi attimi...



- Cosa non mi è piaciuto:
L'unico punto nero è l'angoscia tipicamente mucciniana che regna sovrana qui e in tutti i suoi successi...sottolineata dalle veloci e incostanti inquadrature, che rincorrono i personaggi in ogni movimento ed espressione..e se pur miglior specchio dello stato d'animo drammatico dei suoi protagonisti a lungo andare snerva...Ma è una cosa su cui si può passar sopra,perchè surclassata dalla grandezza di SMITH.

Link correlati: